IL PROGETTO
INVESTIRE NEL FUTURO dell'umanità

Perché
costruire un'ambasciata per gli extraterrestri?

Il progetto più importante di tutti i tempi! In questo caso, un’ambasciata che permetta agli extraterrestri di entrare in contatto ufficialmente e pacificamente con l’umanità. Questa ambasciata non sarà né un palazzo principesco né una cattedrale, ma piuttosto un elegante edificio dotato delle comodità a cui tutti oggi hanno diritto e alla quale sarà riconosciuta l’immunità diplomatica che viene concessa anche all’ambasciata del più piccolo Stato al mondo.

La costruzione di un’ambasciata per accogliere gli scienziati di un altro pianeta sarà un evento epocale, la prima iniziativa mai realizzata che abbia delle implicazioni tanto sconvolgenti per il futuro dell’umanità. Oltre a essere la sede dei contatti diplomatici tra gli extraterrestri e i governi della Terra, l’ambasciata diventerà un’eccezionale attrazione turistica, unica nel suo genere.

Cronologia

Le fasi per realizzare l’ambasciata destinata ad accogliere gli extraterrestri

2019 - 2023

Iniziativa diplomatica

Trovare un Paese disposto a ospitare e organizzare una conferenza internazionale per discutere il “Protocollo opzionale relativo alle ambasciate per gli extraterrestri”.

Scarica
Protocollo opzionale relativo alle ambasciate per gli extraterrestri

2023 - 2025

Analisi dell’ubicazione del sito

Identificare i siti ritenuti idonei per la realizzazione del progetto tra tutti i Paesi firmatari del relatvo protocollo e con i quali abbiamo instaurato dei buoni rapporti professionali.

2025 - 2027

Acquisizione del sito

Il sito ritenuto maggiormente idoneo viene identificato, acquisito e trasferito al Movimento Raeliano Internazionale. Viene stipulato un accordo sulla realizzazione delle principali infrastrutture esterne all’area. Ratifica degli aspetti legali relativi al progetto.

2027 - 2030

Pianificazione e realizzazione

Pianificazione generale, progettazione architettonica e ingegneristica, rilascio delle approvazioni, stipula dei contratti e avviamento dei lavori. Costruzione del complesso dell’ambasciata, compreso un suo modello in scala ridotta che sarà aperto al pubblico.

Dal 2030, l’ambasciata sarà operativa in modalità “ad interim”, in attesa del ritorno della civiltà extraterrestre degli Elohim.

Le fasi del progetto

Il progetto si sviluppa attraverso cinque fasi

FASE 1 Selezione del Paese ospitante

Il Paese ospitante godrà di: • Benefici finanziari durante il periodo di cinque anni relativo alla fase di costruzione. • Ulteriori benefici finanziari annuali durante la fase successiva alla costruzione e precedente l’arrivo. • Benefici finanziari incalcolabili nel periodo successivo all’arrivo.

FASE 2 Costruzione del modello in scala dell’ambasciata

Un modello in scala ridotta (o simile) fungerà da attrazione turistica durante la fase di costruzione.

FASE 3 Costruzione dell’ambasciata

L’edificio dell’ambasciata sarà costruito su un terreno rettangolare, concesso dal Paese ospitante, avente un’area minima di 490,6 ettari (1.212,3 acri) e al quale sarà stato concesso lo status di extraterritorialità.

FASE 4 Fase precedente all’arrivo

Quando l’ambasciata e le strutture turistiche e scientifiche annesse saranno operative, si svilupperà un forte interesse turistico, saranno organizzate importanti conferenze internazionali nelle immediate vicinanze. Il susseguirsi delle scoperte scientifiche porterà all’assegnazione di numerosi riconoscimenti e maggiori investimenti, e altro ancora.

FASE 5 Fase successiva all’arrivo

Il contatto ufficiale con gli extraterrestri sarà il più grande evento di sempre e l’ambasciata diventerà il luogo più importante del pianeta!

Scientopolis ™

Il polo scientifico all’avanguardia nel mondo!

Le aree situate nelle immediate vicinanze dell’ambasciata beneficeranno sicuramente della più grande crescita a livello mondiale per i decenni a venire. All’esterno del terreno su cui verrà edificata l’ambasciata, la città più vicina (o forse una città completamente nuova, si veda il paragrafo dedicato a “Scientopolis”) si svilupperà attorno a un nucleo di hotel, ristoranti, musei, centri di ricerca, zone commerciali e un’infrastruttura completamente nuova, pianificata e progettata per accogliere il flusso di visitatori che giungeranno ogni giorno.

Quando l’ambasciata sarà in costruzione, I nostri progettisti si concentreranno sul progetto successivo: Scientopolis, una nuova città della scienza che sorgerà nei pressi dell’ambasciata e nella quale la ricerca scientifica sarà al servizio dell’umanità, senza interferenze da parte del sistema politico, militare oppure economico, a beneficio di tutti i popoli della Terra.

Con il costante sostegno da parte del Paese ospitante, procederemo alla costruzione di Scientopolis. Questa nuova città fornirà le migliori strutture scientifiche possibili, importanti fondi di ricerca, stipendi elevati e l’esenzione fiscale, al fine di riunire i migliori scienziati del mondo in un unico luogo e raggiungere quanto prima la singolarità tecnologica.
Sebbene sia impossibile prevedere quali saranno i principali campi di ricerca scientifica tra dieci anni, di seguito sono elencate quelle che potrebbero essere considerate delle possibili priorità:

• Robotica
• Nanotecnologia
• Intelligenza artificiale
• Clonazione
• Genetica
• Medecina
– Cellule staminali
– Informatica
– Scienze ambientali

Tempistica

Ci sono evidenti prove che suggeriscono che una civiltà extraterrestre sta preparando gli abitanti della Terra a un prossimo contatto ufficiale, grazie ai sempre più frequenti avvistamenti UFO e alla comparsa di cerchi nel grano. Tuttavia, la nostra umanità sarà maggiormente pronta ad accogliere gli extraterrestri quando avremo una migliore comprensione di quelli che sono i grandi principi scientifici.


A tale proposito, i più recenti sviluppi della scienza ci danno molti motivi per essere ottimisti. Nei prossimi 20 anni, il numero di nuove scoperte scientifiche aumenterà enormemente, fino a quando l’umanità non raggiungerà un livello di comprensione che le permetterà di conoscere quasi tutto in ogni campo. Questo previsto momento di svolta per l’umanità è chiamato “singolarità tecnologica” dai molti scienziati che condividono tale visione del progresso scientifico, anche se alcuni offuscano questa meravigliosa prospettiva disegnando scenari da incubo che non si realizzeranno mai. Tuttavia, è opinione comune che la singolarità tecnologica si realizzerà nei prossimi 20 anni. Per allora, molte persone comprenderanno come gli esseri umani sono stati creati e da chi. Si spera che questa consapevolezza aumenterà il desiderio generale di accogliere una delegazione di extraterrestri provenienti dallo spazio.


Il nostro obiettivo è quello di completare il progetto ed essere pienamente operativi entro il 2030.

GLI EXTRATERRESTRI RICHIEDONO UNO SPECIALE STATUS DIPLOMATICO

Torna in alto